Ultimo aggiornamento .

TARIFFE OBBLIGATORIE?

Leggo su FB argomenti del tipo:
No #tariffe obbligatorie perché è meglio il libero mercato
Se non ce la fai a stare sul mercato cambia il lavoro
Non è obbligatorio lavorare per banche /assicurazioni
Avvocati rifiutino condizioni inique sennò tacciano.

Allora, vediamo di far un po' d'ordine.

Sapete tutti che nel lavoro dipendente le retribuzioni sono stabilite con contrattazione collettiva (sindacati+rappresentanze datoriali+ministeri = cd tabelle retributive, sotto le quali non si può scendere).
La retribuzione del dipendente è tutelata dalla Costituzione ex art. 36, che la giurisprudenza non ritiene applicabile al lavoro autonomo (generalizzato tout court).
Le tariffe nelle professioni ordinistiche avevano un meccanismo simile ai minimi retributivi.
E, checché ne dica la giurisprudenza assolvevano alla medesima funzione.
Ossia quella di equilibrare uno squilibrio di forza di contrattazione, ed impedire che taluno fosse indotto a prestare la propria attività lavorativa a condizioni lesive della dignità propria e della professione.
Perché nemmeno l'operaio è costretto a fare l'operaio.
Nemmeno il quadro bancario è costretto.
Nemmeno il magistrato o il cancelliere lo sono.
Ma la loro retribuzione è tutelata perché ritenuta garanzia di dignità della persona e di qui un bene pubblico da tutelare.
Il professionista autonomo no. Per lui/lei non c'é dignità da tutelare. Se non ce la fa, chiuda baracca e vada sotto i ponti. E, dinnanzi ad una situazione in cui lo squilibrio di forza é evidente a suo danno, con una norma ormsi chiamata #iniquocompenso viene rafforzato il contraente forte con una norma legalizzante clausole vessatorie sino al limite del furto (addirittura consentendo al committente di trattenere a suo favore la maggior somma liquidata dal giudice a titolo di spese legali).
Ora si può dire tutto ed il contrario di tutto. Ma si abbia l'onestà intellettuale di ammettere che la dignità del lavoro non è riconosciuta a tutti.
Lo si dica chiaramente.


Barbara Dalle Pezze
Presidente MF Brescia


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine