Ultimo aggiornamento .

COMMISSIONE SENATO #GDPR #PRIVACY: SI A TUTTE LE RICHIESTE DEL MOVIMENTO FORENSE NONOSTANTE L'OPPOSIZIONE DEL CNF

Il Movimento Forense accoglie con grande soddisfazione il parere licenziato della commissione del Senato (atto n. 22) in tema di adeguamento della normativa nazionale al Regolamento europeo 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (c.d. GDPR).

A seguito delle audizioni, tutte le osservazioni svolte dalla delegazione del Movimento Forense sono state valutate e considerate rilevanti dalla Commissione speciale del Senato, sia in per quanto riguarda i profili di compatibilità costituzionale e ordinamentale del quadro sanzionatorio (con buona pace della Delegata del CNF Secchieri che su tale punto faceva facile ironia sui social ...), che in relazione alla necessaria predisposizione di un procedimento davanti all’Autorità garante che tuteli i princìpi del contraddittorio come tutelati dalla Costituzione e dalla CEDU.


Inoltre, è stato specificamente rilevato come sia necessario individuare dei minimi edittali per le sanzioni, come aveva rilevato il Movimento Forense, al fine di garantire la conformità all’ordinamento italiano delle norme del GDPR. 


Infine, la commissione speciale del Senato ha concordato con la richiesta del Movimento Forense di “una fase transitoria, in ogni caso non inferiore a 8 mesi, successiva all'entrata in vigore del decreto legislativo, nel corso della quale il Garante non procederà ad irrogare sanzioni alle imprese, disponendo, invece, ammonimenti o prescrizioni di adeguamento alla nuova disciplina”.

Su tale moratoria si erano infatti espresse IN MODO CONTRARIO alcune delle rappresentanze forensi  presenti all'adozione in particolare il CNF con la Delegata Secchieri la quale si è spesa oltremodo per far respingere l'iniziativa che il Movimento Forense aveva proposto a tutela degli avvocati.

Fortunatamente il CNF su tale punto non è stato ascoltato dalla Commissione che invece ha ravvisato tale esigenza.

Gli avvocati italiani ancora una volta potranno valutare chi veramente rappresenta le istanze della categoria.

Il Movimento Forense condivide in toto il parere della Commissione speciale del Senato ed auspica che il Garante provveda nel più breve tempo possibile ad emettere i provvedimenti necessari per un periodo di “moratoria” sulle sanzioni, al fine di poter procedere con la dovuta accortezza all’implementazione della normativa in tema di tutela dei dati personali, al fine di una maggior garanzia per tutti coloro che sono interessati dalle nuove regole.

Un ringraziamento alla Senatrice e Ministro, Avv. Erika Stefani, per l’invito rivolto al Movimento Forense di partecipare all’audizione avanti la Commissione speciale del Senato e Camera.

MOVIMENTO FORENSE
Avv. Massimiliano Cesali
(Presidente Nazionale)

Avv. Alberto Vigani
(Resp. Ufficio legislativo)

Avv. Edoardo Ferraro e

Avv. Gianmaria V.L. Bonanno
(Resp.li Dip. Giustizia Telematica)

Avv. Barbara Dalle Pezze 
(Resp. Dip. Scientifico)

DI SEGUITO TUTTI I LINK


[Qui potete leggere il testo del parere http://www.infoparlamento.it/tematiche/privacy/privacy-senato-della-repubblica-parere-approvato-il-20-giugno-2018-schema-di-decreto-legislativo-recante-disposizioni-per-ladeguamento-della-normativa]

[Qui potete leggere le osservazioni del Movimento Forense all’audizione avanti la Commissione del Senato https://docs.google.com/document/d/1tAhulskoeh9mFe5UJqb1AgQbsU-cImEG5Fh0-MkWE-I/edit]

[Qui potete rivedere l’audizione di istituzioni (CNF e OCF) e associazioni (AIGA e Movimento Forense) all’audizione avanti la Commissione del Senato
https://www.youtube.com/watch?v=-Od89Yr4q20]


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine