Ultimo aggiornamento .

MOVIMENTO FORENSE SUL POST DEL SENATORE MORRA: NO ALLA GIUSTIZIA "ALLA TURCA"

Il Movimento Forense segnala il seguente post di Facebook del Presidente della Commissione parlamentare Antimafia, sen. Nicola Morra: “Osservate questa tabella, per quanto non sufficientemente nitida. Nel 1996 in Italia avevamo 87mila quasi iscritti all'albo degli avvocati. Nel 2019 erano 245mila, quasi tre volte quelli di 23 anni prima. Con una popolazione italiana che è aumentata nel frattempo di poco più del 5%. Facciamoci qualche domanda. Forse capiremo perché abbiamo qualche problema nell'amministrazione della giustizia.”

Il Movimento Forense ritiene le affermazioni del Sen. Morra infondate oltre che gravissime, soprattutto perché provengono da chi si occupa di lotta alla criminalità e difesa dei diritti del cittadino, attuata proprio mediante gli Avvocati.


Dopo Davigo e Di Matteo anche Morra ritiene che gli avvocati, come per Erdogan, siano un intralcio alla Giustizia.


Auspichiamo che il Ministro di Giustizia Bonafede, il Consiglio Nazionale Forense e l’Organismo Congressuale Forense prendano una posizione circa tali affermazioni stigmatizzandole, in primis rammentando al Senatore Morra l’importanza della funzione dell’avvocato e, comunque, evidenziando che gli avvocati non hanno alcuna possibilità di incidere nel funzionamento del sistema giustizia completamente in mano agli amministrativi ed ai Magistrati.


Da ultimo, MF chiede anche agli avvocati che siedono sugli scranni del Parlamento, di prendere le distanze dalle gravi affermazioni del Presidente della Commissione Antimafia.

Massimiliano Cesali
Presidente nazionale del Movimento Forense


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine