Ultimo aggiornamento .

IL COA ROMA RICONOSCE UN CONTRIBUTO ECONOMICO ALLE NEOMAMME DEL 2021

Il Movimento Forense, Sezione di Roma, plaude all’iniziativa del COA di Roma che agevola le neomamme del 2021, riconoscendo loro un contributo economico pari alla contribuzione dovuta all'Ordine.

Tale provvedimento si inserisce nella stessa direzione presa dal CPO Roma che l’anno scorso ha partecipato al Bando di Cassa Forense, volto a supportare le mamme del Foro Capitolino negli spostamenti da e per il Tribunale con una convenzione con un network di taxi.

Le difficoltà con cui le colleghe mamme si trovano ad operare nell’esercizio della professione, al tempo della pandemia, sono ben note: figli costretti a casa per la chiusura delle scuole, necessità di avvalersi di baby-sitter per poter andare in Tribunale a svolgere le udienze, difficoltà di reperire strumenti adatti alla didattica a distanza, diffidenza dei clienti/grandi committenti ad affidare l’incarico alle neo mamme, etc.

Senza considerare l’oramai consolidato Gender Pay Gap: il recente rapporto di Cassa Forense ha cristallizzato al 62,5% il reddito medio delle colleghe rispetto quello medio complessivo, a fronte dell’avvenuto superamento del numero dei colleghi uomini.

Ma la maggiore preoccupazione desta, appunto, l’attuale situazione economico-sociale: secondo l’indagine del Censis, realizzata su un campione di più di 14.000 avvocati, oggi la situazione lavorativa risulta critica per più di 7 professionisti su 10: per il 32,9% sono aumentate le difficoltà e l’incertezza, il 39,5% cerca di sopravvivere nonostante il contesto non lasci ben sperare. La condizione di maggiore criticità riguarda le professioniste donne (il 37,5%).

Il Movimento Forense chiede che il provvedimento adottato dal COA Roma sia abbinato a molte altre misure a favore di tutte le Colleghe mamme, anche in sinergia con le altre istituzioni forensi, in primis Cassa Forense, e le Istituzioni comunali, regionali e nazionali, al fine di eliminare le barriere che rendono difficile, a volte impossibile, l’esercizio della professione forense.

Massimiliano Cesali

Presidente Nazionale del Movimento Forense

Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma

 

Maria Chiara Ruzza

Presidente Movimento Forense Sezione di Roma

 

Adriano Scardaccione

Co-Responsabile Dipartimento Nazionale per le Pari Opportunità del Movimento Forense

Tesoriere, in delega, del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Roma


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine